Appcelerator Titanium: sviluppare app per Android e iPhone – Prima Parte

Il framework Titanium permette di sviluppare applicazioni native per Iphone ed Android utilizzando come linguaggio di sviluppo HTML, Javascript e CSS. Per poter sviluppare per i due ambienti e necessario come prerequisito aver installato il relativo SDK, di conseguenza lo sviluppo per Iphone è limitato alla sola piattaforma Mac in quanto non è ancora stato sviluppato un SDK ufficiale per la piattaforma Windows o Linux ( esistono per il momento solo delle soluzioni non ufficiali, una delle più interessanti è DragonFire SDK che permette di sviluppare in ambiente Windows utilizzando C/C++).

Prima di installare il framework Titanium assicuriamo di aver installato un SDK Java e un SDK Android (per quest’ultimo è possibile vedere l’articolo Installare l’SDK Android). Oltre l’SDK è necessario installare una piattaforma SDK utilizzando il tool Android SDK e AVD Manager. Il framework Titanium funziona su qualsiasi Piattaforma Android a partire dalla 1.6 e con le Google Api sempre dalla versione 1.6.

Una volta installato il tutto è necessario inserire due percorsi all’interno della nostra variabile d’ambiente PATH, supponendo che l’SDK ha come nome androd-sdk e trovandoci in ambiente windows dovremo aggiungere i due percorsi:

C:android-sdktools; C:android-sdkplatformsandroid-4tools;

il numero vicino alla parola android (android-4) specifica la versione della piattaforma che stiamo utilizzando (in questo caso la 1.6), nel momento in cui scriviamo siamo arrivati alla 8 (versione 2.2).

Ora possiamo scaricare il framework dal sito:

http://www.appcelerator.com/products/download/#downloads

disponibile nelle varie versioni per Windows, Linux e Mac e procedere nella sua installazione.

Una volta installato il framework, possiamo avviarlo e ci verrà presentata una schermata composta da due tab: Sign Up e Login.

Nella prima Tab inseriamo le credenziali con le quali vogliamo registrarci sul sito di appcelerator (avremo una sorta di sincronizzazione delle nostre app col sito), mentre la seconda la utilizzeremo per accedere nel momento in cui avremo proceduto con la registrazione.

Dopo esserci loggati, clicchiamo sulla icona in alto Profile ed andiamo ad indicare il path del nostro SDK Android, dopo di che salviamo. Ora possiamo creare un nuovo progetto cliccando sul tasto presente nella barra in alto New Project,

Da alcune prove effettuate e come riscontrato su alcuni Forum, è necessario che sia installata la piattaforma 1.6 altrimenti alla creazione di un nuovo progetto viene generato il seguente errore “Project Creation Error: Error creating project. Please try again.”.

Creiamo il nuovo progetto inserendo le informazioni richieste come mostrato nella figura seguente:

Definizione di un nuovo progetto

Cliccando su Create Project otterremo un nuovo progetto nella directory specificata e sarà elencato nella barra laterale sinistra:

Il progetto appena definito viene elencato nella barra laterale sinistra

Il progetto creato è un esempio di default che conterrà un pannello principale con due Tab, all’interno di ogni tab viene visualizzata una label.

Scegliamo la piattaforma Android sulla quale vogliamo far girare il progetto e la risoluzione dello schermo tramite le tendine presenti in basso. Possiamo inoltre scegliere il livello di dettaglio del log che verrà visualizzato sul pannello centrale, una volta finito possiamo lanciare la nostra app con il tasto launch, se la procedura va a buon fine ritroveremo l’icona della nostra app nel main menù di Android:

La nostra app all'interno del main menù di Android

Cliccando sulla nostra app questa verrà lanciata e mostrerà l’app di default che consiste in due tab con all’interno due label di hello:

L' Hello App predefinita di Titanium

Di seguito riporto alcune libri su temi correlati:

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...
You can leave a response, or trackback from your own site.

5 Responses to “Appcelerator Titanium: sviluppare app per Android e iPhone – Prima Parte”

  1. max ha detto:

    Ciao, volevo sapere se poi le applicazioni costrutite posso essere messe nell’AppStore senza violare le licenza APPLE

  2. sms ha detto:

    il software è a pagamento?

    • angeloonline ha detto:

      No è Open Source con licenza Apache versione 2.0, sono a pagamento il supporto, alcuni tutorial avanzati presenti sul sito ed i corsi offerti dalla stessa Software House.

  3. Andrea ha detto:

    Quindi posso vendere sul market senza dover pagare per il software??

Leave a Reply

*