heroku-logo

Heroku: un servizio Cloud di Platform as a Service multilinguaggio

In questo articolo vedremo come utilizzare il servizio Cloud di Platform as a Service offerto da Heroku. Da premettere che il servizio gratuito offerto da Heroku permette ad ogni applicazione di utilizzare un “solo” dyno, dove un dyno è un singolo processo, che a scelta può essere o di tipo web o batch (denominato worker), che risponde alle richieste HTTP ed esegue l’applicazione. Per quanto riguarda il database, utilizzando il piano dev all’interno dello Starter Tier, è possibile utilizzare gratis  fino a 10 mila righe di database per massimo 20 connessioni e senza caching in-memory.

I linguaggi supportati da Heroku comprendono Ruby,  Java, Node.js, Scala, Clojure, Python e PHP ed il Sistema Operativo alla base è Debian o Ubuntu.

Prima di iniziare introduciamo alcuni dei termini utilizzati all’interno della Piattaforma Heroku. Ritorniamo sul concetto di dyno: esso è l’unità base all’interno di Heroku ed è un container (di tipo lightweight) che esegue un singolo comando (per utente). Possiamo assimilarlo ad un container unix virtualizzato che può lanciare un comando nell’ambiente selezionato (nel nostro caso il Cedar Stack). Il comando eseguito in un dyno può essere un processo web, un processo worker (batch) o un altro tipo di processo la cui sintassi è consentita nel file Procfile.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...
paas

Panoramica sui servizi di Platform as a Service

In questo articolo vedremo cosa è e a cosa serve una Platform as a Service (comunemente denominate Paas) e daremo una breve disamina sui principali servizi disponibili online che le implementano. In successivi articoli entreremo nel dettaglio di alcuni di questi servizi.

Una Paas è un tipo particolare di servizio Cloud tramite il quale un Provider fornisce, non solo il servizio hardware ed il Sistema Operativo, ma anche le piattaforme applicative e tutta la cosidetta “solution stack” per poter pubblicare le proprie applicazioni. Una solution stack è un particolare insieme di software in grado di poter fornire un servizio: ad esempio l’insieme di web server, database ed il supporto ad un linguaggio di programmazione. Un altro esempio di solution stack è l’unione di Sistema Operativo, middleware, database e applicativi.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...
google-Maps

Google Maps Api: otteniamo la API key per poter utilizzare le mappe sul nostro sito web

In questo post vedremo come ottenere una API key per poter utilizzare le API Javascript di Google Maps, la quale serve anche per poter utilizzare le API di accesso per tutti i servizi resi disponibili dal colosso di Mountain View (ad esempio Google Analytics).

Le API sono disponibili nella versione 3 che si differenzia dalla precedente versione 2 per aver adottato una nuova architettura di tipo MVC (Model-View-Controller) e per l’abbandono delle variabili globali in favore di un nuovo namespace denominato google.maps.

Le API sono state ridotte di dimensioni (circa 35 KB), ciò comporta una maggiore velocità nel caricamento delle mappe sul proprio sito. Inoltre le nuove API sono compatibili con tutti i dispositivi mobile, inclusi i Sistemi Operativi iOS e Android.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, media: 4,00 di 5)
Loading...Loading...
logo-mysql-110x57

Come reimpostare la password di root di MySQL Server

In questo articolo vedremo come è possibile reimpostare la password per l’account di root di MySQL su piattaforma Windows seguendo una serie di passaggi. Dimenticare una password di un programma o di un account su Internet è capitato quasi a tutti e nella maggior parte dei casi si riesce a risolvere il problema o facendosela rispedire o tramite delle procedure di rigenerazione della password. Nel caso di MySQL la procedura è un pò più complessa ma neanche troppo difficoltosa, l’unico prerequisito è di avere un accesso come amministratore sul Server o Computer su cui è installato. Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...
MySQLInstallerProductPageBanner

MySQL Installer for Windows: un pacchetto software per installare e configurare MySQL su Windows

In questo post vedremo come installare il popolare database Open Source MySQL, in particolare la versione denominata come MySQL Installer for Windows, la quale rappresenta un pacchetto completo che oltre al database vero e proprio include altri strumenti utili alla manutenzione dello stesso.

MySQL (si pronuncia “mai es-qu-el” ma altri lo pronunciano anche come “mai si-qu-el”) è un RDBMS (sistema di gestione di basi di dati relazionali) cioè permette di gestire database basati sul modello relazionale. In questo articolo lo chiameremo semplicemente database come ormai è prassi nel mondo informatico, per indicare uno dei tanti sistemi RDBMS che sono sul mercato sia Open Source che a pagamento; va altresì ricordato che esistono anche sistemi di gestione di basi di dati che utilizzano  una rappresentazione dei dati diversa da quella relazionale, quale ad esempio quella gerarchica, quella ad oggetti oppure quella reticolare.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 3,67 di 5)
Loading...Loading...
Google_WindowBuilder_Pro_Logo_200-5b92158e1f026768

Creare interfacce grafiche Java con Google WindowBuilder Pro

In questo post vedremo come creare delle interfacce grafiche per i nostri programmi Java utilizzando un plugin di Eclipse denominato WindowBuilder Pro. Una delle lacune di Eclipse se confrontato alla sua controparte NetBeans, è la mancanza di un editor visuale che consenta di costruire delle interfacce grafiche senza il bisogno di scriverne a mano il codice. NetBeans ha infatti una sua componente built-in che si occupa della progettazione di interfacce denominata Matisse (http://netbeans.org/features/java/swing.html). Con il plugin che vedremo in questo articolo questo gap viene finalmente colmato.

WindowBuilder Pro era un software proprietario dell’azienda Instantiations, la quale è stata poi acquisita da Google, dopo poco tempo Google ha deciso di renderne Open Source il codice sorgente e di donarlo alla Eclipse Foundation. Esso viene elencato come la seconda novità più importante all’interno del rilascio della versione Indigo di Eclipse (http://eclipsesource.com/blogs/2011/06/21/window-builder-top-indigo-feature-2/). Il plugin è disponibile sia per Eclipse  che per tutte le sue reincarnazioni disponibili (RAD, RSA, MyEclipse, JBuilder, etc…).

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (7 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...
Inseriamo le nostre credenziali

Sviluppare App utilizzando il Titanium Studio

In questo articolo vedremo come installare ed utilizzare l’IDE Titanium Studio che viene fornito da Appcelerator per poter sviluppare agevolmente con l’SDK Titanium Mobile. Titanium Studio è basato su Eclipse o meglio sulla sua reincarnazione sviluppata da Aptana che è stata recentemente acquisita dalla stessa Appcelerator.

Proprio grazie al fatto che Titanium Studio è basato su Eclipse, esso può essere scaricato o nella versione standalone, cioè con Eclipse già configurato per poter funzionare col Mobile SDK, oppure può essere scaricato il solo plugin ed importato nella nostra installazione di Eclipse o Aptana.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (5 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...
logo

Installiamo e configuriamo l’Application Server GlassFish Server 3

In questo post vedremo le fasi di installazione ed i primi step di configurazione dell’Application Server GlassFish 3. GlassFish è stato sviluppato originariamente da Sun e poi passato ad Oracle nell’ambito dell’acquisizione della stessa Sun e “fortunatamente” sopravvive ancora all’interno dell’ampia gamma di prodotti Oracle affiancato dall’altro Application Server supportato da Oracle: Weblogic Server.

GlassFish supporta tutte le specifiche Java Enterprise Edition (J2EE full compliant) ed è l’implementazione di riferimento di queste specifiche, in particolare queste specifiche includono le API per le tecnologie: JDBC, RMI, e-mail, JMS, web services, XML, Servlet, JSF,  etc… .

GlassFish deriva da un progetto Open Source sviluppato congiuntamente da Sun ed Oracle. Esso usa per la parte persistenza il framework ORM Toplink, per la parte Servlet Container un derivato di Apache Tomcat ed infine un componente chiamato Grizzly che utilizza le API Java NIO che ne aumenta la scalabilità e la velocità.

Tra le altre componenti che fanno parte attualmente di GlassFish elenchiamo di seguito le principali:

  • Jersey per l’implementazione di Web Services di tipo RESTful;
  • JavaDB (Apache Derby) per la parte Database;
  • Mojarra come implementazione JSF;
  • OpenMQ per il supporto alla tecnologia JMS.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...
apache-tomcat-eclipse

Integrare Apache Tomcat in Eclipse

In questo articolo vedremo come integrare l’Application Server Apache Tomcat all’interno dell’IDE Eclipse, la procedura che mostreremo è applicabile anche nel caso in cui volessimo aggiungere altre tipologie di Application Server quali ad esempio Oracle Glassfish Server o JBoss Server.

Per completare questa procedura non è necessario aver già installato l’AS Apache Tomcat in quanto Eclipse prevede una procedura automatica per il download e l’installazione. Nel caso in cui si volesse procedere manualmente all’installazione vi consigliamo la lettura del precedente articolo: Installiamo e configuriamo Apache Tomcat 7.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 4,00 di 5)
Loading...Loading...
prettyfaces-50

PrettyFaces: una soluzione per l’URL rewriting per Servlet, JSF e Java EE

In questo articolo vedremo una libreria java che ci consente di poter effettuare l’URL rewriting (letteralmente la riscrittura delle URL) per le nostre web application scritte utilizzando Servlet, JSF o altra tecnologia Java EE. L’URL rewriting è una tecnica che permette ad un server web di riscrivere quelle che sono indirizzi di pagina dinamici, cioè di pagine generate tramite tecnologie quali appunto JSF o Struts, in URL che sono statiche, dimodochè una pagina abbia un indirizzo web che sia più facilmente comprensibile e mnemonico sia per un utente umano ma anche e soprattutto per un motore di ricerca.

Un esempio tipico di URL generato da una pagina JSF è il seguente:

www.appuntisoftware.it/faces/index.xhtml

la quale sarebbe più comprensibile e “accattivante” se riscritta in un modo simile a questo:

www.appuntisoftware.it/negozio

ad esempio se stiamo creando un sito per uno store online.

Leggi tutto »

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...Loading...